Ferengi in Bruxelles

dall'Etiopia a Bruxelles senza passare dal via

Blue donkey

5 commenti

Qui ad Addis Ababa esistono due tipi di donkey: gli asinelli in carne e pelliccia, che di solito trasportano carichi dal peso e dalla dimensione improbabili per la loro stazza, e i blue donkey, i pulmini bianchi e blu che sfrecciano per la città stipati all’inverosimile con carichi umani altrettanto improbabili.

Questi pulmini sono il mezzo di trasporto più utilizzato dalla popolazione. Sono delle specie di taxi collettivi che hanno di solito un equipaggio di due persone: l’autista (e su come si guida qui in Etiopia mi soffermerò un’altra volta…) e un “buttadentro” che normalmente viaggia con il busto fuori dal finestrino gridando la direzione verso cui è diretto il mezzo.

Non esistono fermate come per gli autobus, così quando i blue donkey sono costretti a rallentare oppure non sono pieni fino sopra al tetto di gente, passandogli a fianco si può sentire il buttadentro urlare nel traffico caotico della città “Bolebolebole!” (Bole è la zona dell’aeroporto), “Maganagnamaganagnamaganagna!” (Maganagna, una grande rotonda all’intersezione di importanti strade che si avvicina moltissimo alla mia rappresentazione mentale di un girone infernale dantesco: gente che aspetta i bus che stazionano lì vicino, gente che dorme in mezzo allo spartitraffico, gente che vende sui marciapiedi ogni sorta di merce dai calzini alle brioche e caffè nei thermos, il tutto in mezzo ad un traffico spropositato ad ogni ora del giorno) e altri pittoreschi nomi della città. Si fermano, a bordo strada ma anche in mezzo, e ripartono dopo aver caricato i passeggeri, il tutto naturalmente senza considerare neppure l’idea di mettere una freccia per segnalare le loro intenzioni oppure di usare gli specchietti retrovisori per vedere se sopraggiunge qualche altra vettura…

Annunci

Autore: ferengibruxelles

dall'Etiopia a Bruxelles senza passare dal via

5 thoughts on “Blue donkey

  1. Ciao sono Fulvia sono riuscita a vedere il tuo blog che d’ora in avanti seguirò con attenzione anche perchè l’ho trovato veramente interessante così imparerò qualcosa di nuovo e in più mi sembrerà di seguirti meglio in questa nuova fase della tua avventura. Un abbraccione

  2. Ah ah! Fantastici! Bisognerebbe vedere coi propri occhi per capire bene ma la tua descrizione rende bene l’idea! Pensa che io mi trovo a disagio col traffico già solo quando c’è il mercato a Castellazzo il sabato mattina! Impazzirei! 😉

  3. Pingback: Bajaj! « Ferengi in Addis

  4. Pingback: 2010 in review « Ferengi in Addis

  5. Pingback: Better days ahead « Ferengi in Addis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...